Molto probabilmente hai appena visto delle crepe nei muri e, fortunatamente, hai deciso subito di cercare informazioni per risolvere questo problema! In questo articolo ti spiegherò il motivo per cui si formano, quando è necessario preoccuparsi e come chiuderle correttamente.

Ogni volta che vediamo una piccola fessura nel muro, pensiamo sempre che quella sia una crepa.

In realtà non è così.

Quando vediamo delle linee quasi impercettibili sul muro allora possono essere classificate come cavilli, mentre quando iniziano a vedersi ad occhio nudo e senza difficoltà possiamo definirle crepe.

Cavilli e crepe nei muri: cosa sono?

Il cavillo è una sottile fessura che si genera nella superficie del muro e non è un problema grave.

I cavilli, per esempio, si formano quando una casa è in costruzione. Nel momento in cui viene posto l’intonaco sopra il muro e viene fatto in periodi molto caldi, durante l’asciugatura avviene un ritiro idraulico. Mi spiego meglio: l’acqua presente nell’intonaco si asciuga molto velocemente con il calore e si genera una sorta di “risucchio” che crea queste piccole fessure nel muro.

Non sono problematiche preoccupanti, e si possono tranquillamente coprire con delle pitture riempitive.

Le vere e proprie crepe sono un problema più serio e si possono dividere in due categorie: dinamiche e statiche.

Le prime si formano per i movimenti di assestamento dell’abitazione e sono normali soprattutto nelle case costruite almeno venti o trent’anni fà. Queste sono crepe da tenere sotto controllo per capire se rimangono come sono o se continuano ad espandersi. Quelle statiche invece, sono delle crepe che si generano per svariati motivi ma che non subiscono altre modifiche nel tempo.

Quando preoccuparsi delle crepe?

Diciamo che non c’è in realtà una “grandezza” minima ma che le crepe superiori al mezzo millimetro devono iniziare a farti preoccupare.

Oltre al problema estetico di vedere il tuo muro con una crepa, questa fessura è soggetta ad infiltrazioni. Ancora peggiore è quando questa si trova all’esterno della tua abitazione perché è maggiormente soggetta agli eventi atmosferici che la ingrandiranno a poco a poco.

Per esempio, una crepa sul muro esterno di casa in cui entra dell’acqua nel periodo invernale tende a ghiacciarsi. Come dovresti sapere, il ghiaccio diventa più voluminoso rispetto allo stato liquido e quindi andrà ad ingrandire la crepa.

Questo significa che ogni crepa non va sottovalutata e va trattata al più presto per evitare danni e spese maggiori.

Come chiudere le crepe nei muri?

Il metodo più efficace per risolvere le crepe nei muri, è affidarsi a dei cicli di rivestimento elastomerico (chiamate erroneamente pitture) che hanno il compito di rivestire la crepa.
Ci sono 4 tipologie di rivestimenti: da I1 a I4. La più piccola viene usato per le crepe molto piccole fino ad arrivare a quella più elevata per quelle più “grandi”.

Più il danno è grave, maggiore sarà la probabilità di utilizzo di una tipologia di rivestimento di alto livello (es. I4) per risolvere il problema. Considera che per coprire questo tipo di problema alle volte serve applicare sul muro anche 2/3 kg x m2 di materiale!

Questo genere di operazione può essere fatto con delle crepe di dimensioni inferiori ai due millimetri. Per crepe con maggior dimensioni, vanno utilizzati altri metodi più invasivi che dovranno essere visionate da un professionista.

Più il ciclo è “intenso” e più la spesa sarà impegnativa da sostenere.

Conclusioni

Se la tua casa o i tuoi muri sono afflitti da crepe, il nostro consiglio è quello di rivolgersi immediatamente ad un esperto per la verifica e per proporti subito una soluzione. Questo tipo di operazioni non sono definitive e non durano per sempre, soprattutto se le crepe sono di grosse dimensioni.

Sicuramente un professionista potrà garantirti un lavoro con una durata maggiore.

Se stai cercando questo genere di professionista, forse possiamo darti una mano.

Puoi compilare una richiesta di preventivo direttamente dalla pagina contatti oppure venire a visitare il nostro Shoowroom per scoprire tutte le ultime novità e le tendenze sul mondo della pittura.

Buona continuazione nel nostro blog

2018-07-11T16:31:38+00:00By |Fai Da Te|

Leave A Comment